25 Dec 2017 alle 22:08
Capodanno a Milano: guida ai party per chi non parte!
646 views
#Commercial 
#Concerts 
#Deep 
#Electronic Dance Music 
#Hip Hop 
#House 
#Music 
#Party 
#Recensioni 

Passata l’ansia per la ricerca del regalo, eccoci subito con l’altro angoscioso dubbio: che fare a capodanno?! Mettete pure giù la boccetta di Xanax e state tranquilli: il cerchio delle possibilità ve lo stringiamo noi con questa veloce carrellata di (degne) proposte.

Tranquilli, abbiamo scartato a piè pari i vari “cenoni con flute omaggio”, i “royal buffet”, i “brindisi di mezzanotte”, che sanno molto di villaggio vacanze di serie B e, oltre a riempire lo stomaco, fanno del portafogli un peso piuma. Per conto nostro, suggeriamo cene mooolto importanti con la compagnia giusta, il solito giro di dodici amari e, dopo la mezzanotte, riacquisiti parzialmente i sensi, è il momento per uscire di casa e dare un giro di vita alla fetta di panettone incastrata nel duodeno. Vicinato permettendo...

In realtà, se proprio non volete fare le ore piccole anche il 31, o volete un preserata più tranquillo, l’alternativa c’è ed è pure gratis! Stiamo parlando del concertone di capodanno in Piazza Duomo, ormai una tradizione da diversi anni, che vedrà esibirsi questa volta Fabri Fibra e Luca Carboni ma non solo. 400mila euro stanziati per la serata, di cui circa 80mila a carico del main sponsor Swarovski. Lo scorso anno le presenze furono 25mila, davanti a Mario Biondi e Annalisa Scarrone. Sarà nuovo record?

The Hotel è alla settima edizione e funziona più o meno così: 3 hotel in città (Klima, The Hub, Barcelò), 24 ore di divertimento (dalle 14:00 del 31 alle 14:00 dell’1), open bar, pacchetti su misura, ma soprattutto 3 stage, di cui uno commerciale / anni ’90 con We Love The 90’s e guest Datura, uno hip-hop, reggae ton con guest dj C-zar e uno house con lo staff Pervert e Obi Baby. Totale. Le info a http://www.thehotelmilano.it/

A Privat Odissey è il classico viaggio tra i mari sonori tempestosi dell’impianto Void del Dude Club, che come tutti i capodanni si sbizzarrisce in una lunghissima notte di musica e ospiti di livello. Per ora il nome già annunciato è quello di Robert Hood e, forse, basterebbe già quello di questo paladino della Techno. Ma in via Boncompagni l’abitudine è ai capodanni mitologici e, come Ulisse, siamo pronti a imbarcarci in questa epopea fino all’alba. I ticket online su mailticket o alla porta.

Metempsicosi, il processo di purificazione dell’anima che, trasmigrando di corpo in corpo, si rende indipendente dalla materia. Siamo passati dall’epica alla filosofia, ma c’è anche un po’ di storia, visto che, il marchio che l’unica filosofia che sottende è quella della progressive, è operativo ormai dal 1997. Quasi per nostalgici, 20 anni dopo, rieccoli ancora cavalcare la notte allo Space25 in via Toffetti, complici anche Amnesia Milano e Sincronie: Ricky Le Roy, Mario Più, Joy Kitikonti, 00zicky, Franchino e Luca Pechino. Che la favola abbia inizio…

Eclectic O, ovvero il capodanno di Le Cannibale e Club Domani, che si contendono due delle tre sale del Plastic per la notte del 31, con Uabos, Tamati e Nicola Guiducci per il Juke Boxe Hero dei “Cannibali” e Sergio Tavelli, Andrea Ratti e Thomas Constantin nella main room del “Plastico”. Al Varietà, invece, La Stryxia e Roger Bi. Chissà se ce la fate ad entrare?! Provate qui http://www.lecannibale.it/rsvp/

Ci hanno provato a farlo saltare, ma per fortuna la tenacia dei ragazzi del DOGS ha fatto sì che, dall’originaria location dello Iuta Bistrot, il party venisse spostato con successo al CSOA Lambretta. Morale della favola, location a parte, tutto invariato: Inner Lakes a far gli onori di casa, Phil Kieran (che vanta album personali su Cocoon e Hot Creations…) a rendere il party ancor più frizzante. No heels recommended è il motto. Per le info più dettagliate invece scrivere qua dothegrooveonsunday@gmail.com

“Ultimo” è il party finale dell’anno, è il disco con cui chiudere, o la richiesta dell’indomito sotto cassa a luci ormai accese. C’è sempre il momento speciale per l’”Ultimo”. Ecco, il 31 al Tunnel l’”Ultimo” si celebra coi resident del club, Fabio Alampi di Take It Easy, Mark Brunetti di Roots e l’Intellighenzia Electronica Soundsystem. L’unione di intenti è fatta e chissà che almeno stavolta, dopo l’ “Ultimo”, non ce ne sia un altro…

ultimo

Apollo decide di giocare in casa, come gli altri, quindi per il 31 la sua doppia proposta è Rollover + Rrriot, ovvero disco e house vs hip hop e trap. Se arrivi prima c’è anche il cenone a buffet, ma, come detto, a noi piace l’impepata di cozze homemade. Semmai si passa dopo per due sculettate.

Infine al Rocket c’è Akeem Of Zamunda con The Perseverance e il suo trap e hip hop sound. Val sempre un passaggio, soprattutto nella lunga notte che ci aspetta il 31. Se passate compilate qui https://www.akeemofzamunda.com/event/akeem-zamunda-season-6-beautiful-new-years-eve-31-12-2017/

Finito?! Beh, se verso le 5 vi aggirate ancora affamati, ma non di cotechini bensì di musica, allora c’è ancora una tappa sul piatto ed è LIGHTBOX, l’after degli after, ovvero l’unione di tutti gli afteristi anonimi cittadini e non solo, con un nutrito gruppo di dj nella consolle dell’Amnesia: Da Vid del Cocoricò, Mattia Presta del Too Long, Mirko Di Florio del Do Not Sleep Ibiza, Path e i Proudly People sempre del Too Long e il resident di casa Stefano Di Miceli.

Avete digerito adesso?! Buon 2018! Ah no, ci è rimasto un ultimo dubbio...

News collegate
#Concerts 
#Deep 
#Electronic Dance Music 
#Hip Hop 
#House 
#Jazz 
#Music 
#Party 
502 views
I nostri consigli per chi, al posto di inforcare gli sci per la prima neve stagionale, si lancerà in pista (quella da ballo) a testa bassa.
#Concerts 
#Jazz 
#Music 
#Recensioni 
821 views
I più grandi protagonisti del jazz in un festival dedicato, tra spazi, club e vie di tutta la città
#Concerts 
#Music 
#Party 
#Recensioni 
1383 views
I protagonisti, le date, gli eventi e tutto quello che c’è da sapere sulla settimana dedicata alla musica
Dettaglio per Amministratori 646 VIEWS0 EMBEDDED VIEWS - 21807