25 Apr 2016 alle 22:35
Inside Social Music City: un festival urbano lungo un’intera estate
1167 views
#Concerts 
#Party 
#Recensioni 

Sabato 30 aprile. Questa è la data fissata per il ritorno della grande esperienza di Social Music City.

Dalle 3 del pomeriggio si riapriranno i cancelli di questo enorme Public Dancefloor, per la prima di una lunga serie di date, che vedrà avvicendarsi i migliori artisti e djs della musica techno / elettronica, in lunghe maratone pomeridiane che hanno ridefinito il concetto di fare party in città, ma non solo!

Ma diamo un’occhiata più attenta alle carte nel mazzo di Smc2016…

Concept e edizioni passate:

L’ìdea è semplice quanto visionaria (almeno in una realtà italiana spesso restia a concedere spazi pubblici a questo tipo di manifestazioni): adattare i grandi spazi urbani, spesso eredità di un recente passato industriale, trascurati o, comunque, non sfruttati a dovere e riqualificarli con la musica.

Non è tutto, perché se da un lato c’è l’aspetto “pubblico” delle strutture cittadine, dall’altro deve anche esserci un interesse e una reale possibilità di sfruttamento da parte della comunità: ecco in tal senso, come sia stata concepita l’idea di godere di performance di artisti di enorme richiamo a prezzi modici e comunque assolutamente fuori mercato (almeno riferendoci sempre a quello che è il contesto italiano). In ultimo, come per i grandi festival, una struttura organizzativa capillare, in grado di garantire anche servizi correlati all’evento. In realtà ci sono due ultimi punti: l’idea di un party lungo, dalle prime ore del pomeriggio al dopocena, che consente di trovarsi 8/9 ore di musica sulle spalle e tornarsene soddisfatti a casa ancora a mezzanotte e la scelta di una stagione di eventi, quella estiva, che per il pubblico milanese era solitamente la stagione della pausa dal tour de force dei mesi freddi o, per i più convinti, il momento per spostare la bussola del divertimento verso Ibiza e affini.

In tutto ciò, i primi passi sono stati mossi due anni fa, con La Fabbrica Del Vapore, che con Dixon, Tale Of Us, Recondite e Somne riuscì a radunare circa 12mila persone, in una data poi propedeutica all’idea di proporsi nell’anno di Expo con un progetto migliorato e con base in un’area di 10000mq dell’ex scalo ferroviario di Porta Romana, dove da maggio a fine settembre la città si è aperta alla musica techno per una media di circa 10000 partecipanti a data.

Edizione 2016:

Il mancato rinnovo delle concessioni sull’utilizzo degli spazi di proprietà delle Ferrovie Dello Stato, ha portato il non facile compito di trovare una nuova location per un evento di tale portata e, malgrado la leggera perdita di centralità di posizione, la soluzione ideale è stata quella dell’enorme spazio del Market Sound, uno spazio ancora più ampio ma dove poter concentrare in maniera più effettiva lo spettacolo che ci aspetta per questa nuova annata di SMC: l’imponente tensostruttura che dà copertura al dancefloor e che era stata una delle chicche della riqualificazione dello spazio in Porta Romana, sarà montata ed operativa anche qui, garantendo riparo dal sole ma anche miglior areazione dello spazio; l’impianto, L-Acoustic K2, sarà sicuramente all’altezza, predisposto nel migliore dei modi per la massima resa qualitativa sonora, infine un vasto punto bar e una street food area completeranno il corredo necessario ad un party che si sviluppa su una decina di ore di musica. Se l’iniziale titubanza sulla minor comodità logistica (dovuta più che altro a una minor comodità per chi si sposta con i mezzi pubblici) potrebbe scoraggiare, siamo più che sicuri che la più agevole raggiungibilità in macchina, soprattutto per chi viene da fuori città, la più ampia disponibilità di parcheggi e comunque la vicinanza con linee ferroviarie (Porta Vittoria) e di mezzi pubblici di superficie, non faranno subire alcun contraccolpo alle presenze 2016.

La musica:

Detto che  la musica di elezione sarà quella techno / elettronica, andiamo a passare in rassegna i nomi finora annunciati:

-30 aprile, si inaugura il nuovo spazio con il party di apertura che vedrà l’esibizione dei Tale Of Us, presenza costante nei tre anni di Social Music City e duo milanese in pieno boom di popolarità, insieme a Mano Le Tough, il boss di Maeve Rec., a Dj Koze, eclettico producer minimal-elettronico e a Federico Maccherone aka SOMNE e Pisetzky, tra i resident del progetto SMC.

-14 maggio, si preme subito sull’acceleratore, arrivano Loco Dice e il suo alfiere Caleb Calloway, per tutti i patiti di Desolat, insieme a Enzo Siragusa, l’inglese fondatore di Fuse London, raving party ed etichetta londinese che tanto seguito ha riscosso anche nelle estati sull’isla.

-21 maggio, Davide Squillace, Matthias Tanzmann e Martin Buttrich, un tridente assolutamente offensivo, con cui si chiude il primo mese di SMC2016.

Ad ognuna di queste date, dopo la mezzanotte, seguirà un after ufficiale all’Amnesia, a poca distanza dal Market Sound, per chi ha ancora energie, con alcuni dei guest djs protagonisti della maratona diurna che si cimenteranno dietro la consolle del club di via Gatto. Un’ultima chicca, già svelata, sarà l’extra date Social Music City al Campo Volo (RE) il 24 luglio, dove il clima, già caldo, sarà reso torrido da Richie Hawtin, Tale Of Us, Loco Dice, Mind Against, Rodhad e Wrong Assessment.

Quasi quasi prendo le ferie dopo ottobre….

pics: Phlame content: Michelangelo Redaelli

News collegate
#Commercial 
#Concerts 
#Deep 
#Electronic Dance Music 
#Hip Hop 
#House 
#Music 
#Party 
#Recensioni 
519 views
Un rapido colpo d’occhio su quanto di più interessante ci propone la notte del 31 in città.
#Concerts 
#Deep 
#Electronic Dance Music 
#Hip Hop 
#House 
#Jazz 
#Music 
#Party 
408 views
I nostri consigli per chi, al posto di inforcare gli sci per la prima neve stagionale, si lancerà in pista (quella da ballo) a testa bassa.
#Concerts 
#Jazz 
#Music 
#Recensioni 
732 views
I più grandi protagonisti del jazz in un festival dedicato, tra spazi, club e vie di tutta la città
Dettaglio per Amministratori 1167 VIEWS0 EMBEDDED VIEWS - 5975